Intollerante alle intolleranze

(questo post è stato scritto il 13 Settembre del 2015 sul vecchio blog)

2015.
795 milioni di persone nel mondo soffrono la fame, il resto soffre l’intolleranza.

È ormai da qualche anno che non puoi dire di aver mal di stomaco, mal di testa, giramenti, bisogno di cacare che qualcuno ti propina la possibile soluzione: SARAI MICA INTOLLERANTE A QUALCOSA?
Certo a me lo dice solo chi non mi conosce davvero, perché la risposta più razionale a questa domanda sarebbe: SARÀ MICA MAGARI FORSE CHE MANGIO COME UN BUFALO e metto a dura prova digestione e colon irritabile? Anche se poi per quanto mi riguarda ci sarebbero tante di quelle razionali possibilità ad un giramento di testa che il cibo proprio non dovrebbe essere menzionato.

Ma in generale pare che non ci siano più virus, germi, bacilli, vibrioni e batteri (non la conosco la differenza tra queste cose, solo tra virus e batterio; quindi abbiate pietà), niente più malfunzionamenti del corpo dovuti a difese immunitarie a cazzodicane (eccomi! Io! Io!), organi che impazziscono, malattie croniche, ereditarie, sfiga nera.
No.

C’è l’intolleranza e se stai male, qualunque cosa tu abbia, la colpa è del cibo. Probabilmente il glutine. Più probabilmente il latte. Del resto l’uomo non dovrebbe mangiare il latte dopo lo svezzamento perché non è naturale e gli animali non lo fanno (no perché invece la bevanda di soya è “naturale”, soprattutto per noi occidentali!) e dai, se una cosa non la fanno gli animali dovremmo farla noi?
No, e perché mai!

Mi diverte questo mondo in cui abbiamo dimenticato parole come Rachitismo, Scorbuto, Pellagra. Questo mondo in cui appena una donna ha la certezza di essere gravida si mette in moto una gigantesca macchina di integratori e diete specifiche, grazie alla quale le nuove generazioni sono sempre più forti. Talmente forti da dimenticare che il mal di pancia ESISTA. Che il nostro corpo è comunque fatto di carne ossa e sangue e a volte prendiamo semplicemente freddo. O combattiamo virus, batteri, piccoli tumori, malfunzionamenti del corpo che cent’anni fa ci avrebbero portati alla morte. A volte non ci si alza nemmeno la temperatura, ma il sistema immunitario è in funzione. Il fegato e i reni ci depurano, reni e polmoni ci stabilizzano il Ph, ci si stabilizza la temperatura (finché non ti esplode la tiroide eccetera).

Durante la giornata il nostro corpo lotta contro una miriade di forze esterne, e in media stiamo bene, non ce ne accorgiamo nemmeno di aver scampato la Legionella, o qualche altra merdata. Non viviamo in ambienti sterili, siamo sottoposti a microorganismi spesso nocivi. E campiamo ugualmente spesso fino a 80 anni e più.

Siamo performativi, possiamo andare a lavoro anche se la sera prima avevamo 40 di febbre e le placche in gola grosse come donuts. Combattiamo i dolori e il nervosismo del ciclo con integratori di Magnesio e antidolorifici. E comunque raramente sveniamo, raramente moriamo di parto.
Ma non sopportiamo un normale mal di pancia (spesso dovuto al fatto che mangiamo TROPPO, non che mangiamo il latte) e una cacata fuori orario. Perché maisia, la cacca si fa appena svegli, altrimenti c’è qualcosa che non va e probabilmente è l’intolleranza. Hai bevuto il latte stamattina? Ecco perché non cachi!

Ma per la miseria sarà magari che uno non caca perché l’intestino non è pieno, non mangia sufficienti fibre (90% dei miei conoscenti che ritengono di avere un’intolleranza non mangiano sufficienti fibre), il gabinetto non è un modo “naturale” (visto che ci tenete) di svuotarsi, se uno la mattina ha tanti pensieri magari non fa in tempo eccetera?
Come è successo, quando è successo che il mal di pancia è diventato impossibile da sopportare? E allora se ti viene l’ulcera che fai, ti spari?
Hai ripensato alle tue abitudini generali: se mangi frutta, se mangi verdure, se mangi le fibre, prima di condannare TUTTO il cibo che assumi all’esilio? Hai riflettuto sulla possibilità che il tuo corpo sia semplicemente TROPPO PIENO di derivati dal latte e non riesca a smaltirli solo perché ce li mettono dappertutto, soprattutto nei cibi confezionati, e tu non prepari nemmeno il sugo a casa?

Più stiamo bene, più possiamo mangiare, più siamo sani più pensiamo di essere malati. E guarda caso il primo demone è il cibo. Qualcuno ha detto “ortoressia”? Uh, malpensanti!

Le mie sono supposizioni, per carità. Non sono una nutrizionista.
Ma ho studiato sufficiente storia, e ho letto sufficienti libri scritti prima del ‘900 da affermare che stiamo diventando fissati. Me lo ricordo che Beth March morì di SCARLATTINA, e io con la scarlattina ci feci il ponte del Primo Maggio a lavorare in albergo. Con tutto che il mio corpo ha una funzionalità al di sotto della media.

Lo dico da ex bulimica: FACCIAMO PACE COL NOSTRO CORPO.

Non ci fissiamo con la depurazione, le bevande detox, i lavaggi epatici (detto da specialisti: sono PUTTANATE. La bile lava il fegato. Il fegato è una ghiandola, la roba che bevi non  ci entra dentro per lavarlo. Puoi solo stimolare la bile e proteggere il fegato con alcuni integratori, ma non è detto sia necessario, chiedi al tuo medico non alla beauty guru), le alcalinizzazioni, i clisteri di idraulico liquido e Viakal.
Non ci fissiamo per il fatto di non aver cacato a sufficienza, la consistenza non era ottimale, non erano le sette e mezza spaccate, l’odore aveva un vago retrosentore di morte. Non abbiamo bisogno dello yogurt che costa tre volte quello normale. Non abbiamo bisogno di purghe, supposte e pasticche. Non tutti. A buona parte di noi basterebbe solo ingurgitare tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno più acqua e fibre, e stare tranquilli. Non pretendere dal corpo più di quanto possa fare quel determinato giorno.
La puoi fare la cacca fuori casa. La puoi fare la cacca fuori orario. Le puoi saltare un paio di sedute.

Fidati.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...