Pubblicità “geniali”: l’importante è appiccicarci un logo.

(22 Luglio 2015, dal vecchio blog)

Pubblicità di una radio: donna ripresa dall’ombelico in giù, in hot pants, tiene con le mani il tondo con il logo.

Pubblicità di un succo di frutta: culo.

Pubblicità di una fabbrica di divani: donna nuda senza testa.

Ora io mi immagino i brain storming che hanno portato allo sviluppo di campagne pubblicitarie di questo livello altissimo.

– bene ragazzi avete portato un po’ di idee? Questa campagna deve essere nuova, frizzante, originale. Dobbiamo entrare nella testa della gente e non uscirne più, parlando di noi, del nostro concept, della nostra mission, della nostra vision.

– io avrei pensato ad un culo

– senta Minunno cortesemente si allontani. Questo è il mio secondo preavviso. Ha avuto una settimana per lavorarci e se ne esce col culo? Cosa è tutta questa banalità??? Si vergogni.

L’ABBIAM FATTA DUE ANNI FA LA CAMPAGNA COL CULO!!!

– io avrei pensato ad un bel paio di tette

– Ecco l’altro genio. Sei licenziato.

Ho detto NUOVA, frizzante, originale! L’han fatta i nostri concorrenti la campagna con le tette, rubandoci l’idea che era stata progettata, ad ogni modo, dal validissimo Venturi due mesi fa. Avremmo voluto farlo prima noi, ma siamo stati superati.

Lasci la sua scrivania entro mezzogiorno.

Allora, non ci siamo. Vi ho fatto frequentare pure i Corsi di 10 ore della Confcommercio in “Psicologia comunicativa correlata alla pubblicità per il lancio di un marchio e relativo messaggio aziendale”. Mi è costato 240 euro in tutto, avrei potuto acquistarci un calciobalilla.

Cos’altro dovrei fare? Licenziare tutti voi cugini e parenti e compari e commari e assumere un copywriter serio con laurea, Master e magari esperienza all’estero??? Guardate che lo faccio, eh?

GELO IN UFFICIO.

I dipendenti si guardano terrorizzati, poi il capo soffia forte dal naso esplodendo in una risata.

– Ahahahahahhh!!! Ma che siete scemi? Vorremo davvero chiamare qualcuno che ha studiato per fare questo mestiere? Che ci vuole a progettare una campagna pubblicitaria, dai…andiamo per esclusione: culo no, tette no…FIGA. Quest’anno il logo lo appiccichiamo sulla figa.

Ora tutti a telefonare alle amiche bone che per stasera facciamo due foto di  merda e poi tutti alla melonata.

Fuori dalle palle.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...